In Copertina

Frequentare un master in psicologia mentre lavori: si può!

Lavoro e Studio: come fare

Frequentare un master mentre si lavora non è una cosa semplice, ma in molti paesi d’Europa è una situazione assai frequente che accomuna molti giovani. È quindi possibile riuscire a lavorare e studiare contemporaneamente, tenendo sotto controllo alcuni aspetti fondamentali.

Bisogna infatti organizzare bene i tempi per seguire le lezioni e per studiare e coordinarsi con il calendario degli esami da sostenere. Non bisogna poi farsi condizionare troppo dallo stress e vincere, quando si può, la stanchezza. Questi aspetti infatti determinano spesso un procrastinare il desiderio di specializzarsi nel proprio settore, anche avendone bisogno per questioni di carriera.

Numeri in Italia

Stando agli ultimi dati Eurostat, in Italia solo il 4,8% degli studenti ha anche un lavoro e spicca il dato che l’età media supera i 30 anni (il 6,8% rispetto al 4,8 dei 20enni). Questo può essere dovuto al fatto che in alcune discipline continuare la formazione e tenersi aggiornato anche in base alle norme vigenti è davvero un’esigenza lavorativa e quindi i nuovi studenti sono in realtà dei lavoratori che decidono di migliorare la loro situazione di carriera ed entrano più tardi nel mondo universitario.

Un altro aspetto da considerare è il ritardo che l’Italia ha nell’inserimento al lavoro e quindi molte persone continuano a formarsi accettando lavori precari e non inerenti il settore in cui hanno conseguito la laurea ed altri titoli.

Master in Psicologia

La psicologia rientra tra le materie che, all’interno di un contesto lavorativo, può fare la differenza nella gestione del benessere lavorativo e delle risorse umane. Sta aumentando quindi la richiesta di figure professionali che hanno approfondito la materia psicologica, in particolare con riferimento allo stress da lavoro, il quale costituisce un fattore di rischio molto importante da valutare per ogni azienda.

Per poter accedere a questo tipo di specializzazioni ci si può rivolgere o alle università tradizionali e valutare un’iscrizione da non frequentante, se consentita; oppure considerare la possibilità di un’università telematica, che negli ultimi anni sta diventando un punto di riferimento per chi appunto vuole continuare a formarsi, ma in piena libertà.

Del resto non ci sono molte specializzazioni in quest’ambito, soprattutto per le tematiche legate alla gestione dello stress sul lavoro; vi sono però alcuni interessanti master online in psicologia a Bologna che si preoccupano di affrontare anche questa particolare disciplina, divenuta fondamentale nell’organigramma di una media/grande azienda.

I vantaggi delle università online sono sia economici sia pratici. Le tasse universitarie sono sicuramente ridotte e i costi per gli spostamenti ed eventualmente l’alloggio sono minori in quanto non ci si deve recare in facoltà per seguire lezioni. Per l’apprendimento si può studiare comodamente da casa e ci si può organizzare il tempo come si preferisce.

Con la modalità dell’e-learning infatti le video lezioni sono disponibili attraverso un account personale al quale si può accedere in qualsiasi momento. In tal modo ognuno può gestire il proprio tempo di studio in base ad impegni e necessità lavorative. Gli esami infine si possono sostenere nelle sedi dislocate dei vari atenei riconosciuti sul territorio e, se si è fortunati, si possono trovare sedi anche in città dove non ci sono poli universitari e quindi venire incontro anche a chi vive lontano dai grandi centri.

Redazione

Articoli scritti dalla Redazione.